Il pubblico si è divertito nel vedere una gara appassionante.


E' stata la contrada Collis a vincere il Palio dei Colombi edizione 2008. E' stata una gara che ha visto una grande partecipazione di pubblico, segno che la manifestazione ha inaugurato un nuovo corso. Solo un piccolo imprevisto, comunque senza conseguenze gravi, l'incidente a un cavaliere, ha fatto sospendere per alcuni minuti la gara. Per il resto è andato tutto liscio. Il pubblico si è divertito nel vedere una gara appassionante.

I cavalli e i cavalieri si sono sfidati presso il campo dei giochi, nell'ex campo sportivo di viale dei Giardini. Ad ogni tornata di quintana tra cavalli e cavalieri è seguita una sfida a due tra balestrieri. Alla fine la contrada verde-blu è risultata quella che ha totalizzato più punti, facendo volare nel cielo di Amelia il maggior numero di colombi. L'animale, nel palio amerino, viene liberato da una gabbia dopo che un balestriere ha centrato un bersaglio collegato ad un meccanismo di apertura.

Di turisti e visitatori, che hanno seguito sia la giostra che il corteo storico, ce ne erano veramente tanti ad Amelia per questa edizione 2008 del Palio dei Colombi. Anche la serata di sabato, con la sfilata del corteo storico, ha avuto una buona rispondenza. Merito anche delle novità apportate e dell'unione di forze tra le varie associazioni storiche che si sta sempre più affermando. Quando le associazioni cittadine non si fanno la guerra, non si fanno prendere dalle gelosie, allora tutto va per il meglio. E i risultati si vedono.

L'edizione 2008 del Palio dei Colombi si caratterizza dunque per un nuovo corso. L'Ente Palio, l'Armata Medievale e gli Sbandieratori hanno arricchito le proposte della manifestazione e hanno unito le loro energie. Alla fine del palio è stato anche letto il responso della gara degli angoli, che appassiona molto gli amerini. Si tratta di rappresentazioni teatrali sul medioevo che vengono messe in scena in alcuni angoli suggestivi della città. Ad aggiudicarsi la vittoria in questo caso è stata la contrada Platea, dai colori bianco-celesti.

Non è stato invece aggiudicato un altro ambito premio, quello per i migliori tamburini. I tamburini, in formazione multipla (in genere una decina), aprono il corteo storico delle varie contrade, suonando dei ritmi marziali a passo di marcia. Quest'anno ci sono state delle divergenze tra giuria e contrade che hanno fatto ritirare il premio. E' stata questa l'unica nota stonata del palio. Gli applausi del pubblico però hanno chiaramente attribuito la preferenza ai tamburini della contrada Posterola, che hanno suonato dei ritmi marziali impressionanti, distinguendosi per preparazione, per bravura, per precisione e per la cura dello spettacolo offerto.

Applausi da spellarsi le mani ovunque. Dispiace che a un'affermazione tanto evidente non sia seguito un premio. Non premiare chi è evidentemente più bravo significa squalificare tutto il lavoro della manifestazione. Su questo punto c'è ancora qualcosa da migliorare.

Le eccellenze andranno valorizzate, o la crescita del palio ne sarà compromessa

Pierluigi Sbaraglia dal Corriere dell'Umbria

Tag


  #Palio dei Colombi