La rubrica incentrata sui segreti di Ameria continua a deliziarti con curiosità e storici aneddoti. Ti abbiamo già parlato della famosa famiglia Geraldini e dei suoi misteri. Oggi vogliamo concentrarci su un componente di questa casata che ha reso celebre Amelia fino all'America: Alessandro Geraldini.

Alessandro Geraldini Vescovo del nuovo mondo

Alessandro Geraldini nasce ad Amelia nel 1455, figlio di Graziosa Geraldini e del suo secondo marito Pace Bussitani. Viene adottato, insieme al fratello Antonio, dallo zio vescovo Angelo Geraldini, che si occupa della loro educazione culturale e religiosa. Alessandro si dedica alla carriera militare e a quella diplomatica, fino a scoprire la vocazione ecclesiastica. Alessandro viene inviato prima nell’Inghilterra di Enrico VII, poi a Venezia e infine in Russia, dove organizza la crociata contro i turchi, che nel 1453 hanno conquistato Costantinopoli mettendo fine all’impero romano d’oriente. Infine, in Spagna, conquista la fiducia della regina Isabella, diventando prima il suo confessore e poi educatore delle quattro figlie e dei nipoti.

Il sostenitore di Cristoforo colombo

Alla corte reale di Spagna, Alessandro, conosce Cristoforo Colombo e diventa uno dei suoi principali sostenitori. Come spiega il conte Antonello Geraldini, fu proprio lui a convincere la regina Isabella a consentire il viaggio di Colombo:

 "Si deve infatti soprattutto al vescovo Alessandro Geraldini, se al congresso di Salamanca Cristoforo Colombo ottenne, anziché un processo per eresia, le caravelle e i mezzi per salpare da Palos alla scoperta dell'America. Ecco come andarono le cose. Tutti sanno che i dotti del tempo, riuniti a Salamanca da Ferdinando e Isabella, respinsero le teorie di Colombo sulla conformazione della terra, e che alcuni teologi presenti elevarono contro il grande genovese addirittura l’accusa di eresia, la più grave accusa che a quei tempi potesse colpire un uomo. Ebbene, chi "sbloccò" in quel momento la critica situazione di Cristoforo Colombo fu proprio il Geraldini".

Primo vescovo del Nuovo Mondo

Colombo è così grato nei confronti del suo sostenitore che da il nome di "Graziosa" a un'isola delle Antille, l'odierna Vieques, in onore della madre di Alessandro Geraldini. Nel 1515 Leone X nomina Alessandro vescovo di Santo Domingo, il quale arriva nel Nuovo Mondo nel 1519, dopo sei mesi di esplorazioni, ad esempio sulle coste africane. Geraldini è Il terzo vescovo di Santo Domingo, ma primo vescovo residente del Nuovo Mondo e si impegna nella costruzione della prima cattedrale, dedicata all’Annunciazione e realizzata in stile gotico-isabelliano. Tutte queste interessanti curiosità sono raccontate dallo stesso Geraldini nel suo libro intitolato "Itinerarium ad regiones subaequinoctiali piaga costitutas", scritto tra il 1521 e il 1522. Il famoso vescovo di origini amerine muore nella sua diocesi l’8 marzo 1524 e viene seppellito nella Cattedrale che lui stesso ha iniziato a far costruire.

Ti è piaciuto?

Facci sapere se hai trovato interessante questo articolo e se hai ulteriori informazioni a riguardo.

Ricorda che le curiosità non finiscono qui: continua a seguire ameliaonline per scoprire molti altri segreti sulla famiglia Geraldini e sugli altri personaggi che hanno reso famosa Amelia nel Mondo.

Ora non ti resta che immergerti nel centro storico amerino per assaporare un'atmosfera magica, tra leggenda e storia.