Sei qui: Home > Notizie > Tecnologia
Palazzo dei Priori - Corso Vannucci - Perugia - Umbria

Se decidete di raggiungere Perugia in macchina e non amate il traffico cittadino consigliamo di avventurarvi al centro storico con i mezzi pubblici;

fate la conoscenza del comodo,e controverso, Minimetrò;un sistema di trasporto automatico su rotaia, di recente costruzione.

 

Di origine etrusca, il nucleo della città si formò nella seconda metà del VI secolo a.C..

Perusia fu conquistata dai romani nel 309 a.C. e più tardi si alleò, in seguito alla morte di Giulio Cesare,  con Marco Antonio subendo una pesante sconfitta ,ed un disastroso assedio, ad opera di Ottaviano che divenne poi imperatore.

Augusto ricostruì la città donando il nome di Augusta Perusia, rimodellandola in stile romano pur mantenendo l'assetto viario etrusco.

Non si hanno molte notizie in seguito fino a quando nel 592 venne inclusa nel ducato Longobardo di Spoleto ed in seguito nel 1140 divenne comune autonomo ed iniziò la politica di espansione verso Gubbio, Città di Castello e zone limitrofe accettando , nel 1198, la protezione di Papa Innocenzo III .

Nel 1370 Perugia torna sotto il dominio della chiesa, che porterà al susseguirsi di diverse signorie nel tentativo di sottrarsi al dominio papale.Nel XV secolo la città diventa un importante centro artistico e culturale. Nel 1540 Perugia perde la sua autonomia e torna alle dipendenze dello stato della Chiesa che impone la costruzione della Rocca Paolina.

Fino al momento della ricongiunzione con l'Italia(1860) la città vivrà un periodo di stagnazione demografica ed economica conoscendo tuttavia un florido periodo artistico e architettonico.

 

Corso Vannucci

Raggiunta la cima della città, partite da Piazza Italia o dai Giardini Carducci (dove potrete ammirare una bella veduta sul panorama) e arrivate in Piazza IV Novembre;  godetevi una bella passeggiata sul Corso Principale di Perugia ( intitolato a Pietro Vannucci , il celebre Perugino) ospite di numerosi negozi, bar, ristorante ed imponenti palazzi.

 

Palazzo dei Priori

Iniziato nel 1293 e completato solo nel 1443 si dice sia uno dei palazzi comunali più belli d'Italia, sicuramente uno dei più grandi!
 
Questa imponente residenza è caratterizzata dal maestoso ingresso gotico, finestre trilobate (da cui venivano gettati i criminali) e dalle merlature tipicamente guelfe!

Non perdetevi la visita all'interno del Palazzo: la Sala dei Notari, la Sala del Collegio della Mercanzia e la bellissima Galleria Nazionale dell'Umbria vi aspettano!

La Sala Dei Notari è l'antica sala del consiglio degli uomini di legge; accessibile dalla bella scalinata a ventaglio sita di fronte al duomo. Questa è una delle parti più antiche del palazzo, risalente al 1290 circa anche se gli affreschi sono stati pesantemente ritoccati nell'800.

La Sala del Collegio della Mercanzia fu sede fin dal 1390 della corporazione dei mercanti, che sopravvive ancora oggi come istituzione di beneficenza. Poco interessante a primo sguardo nasconde invece bellissimi pannelli in legno intarsiato del XV secolo considerati tra i più belli d'Italia!

La Galleria nazionale dell'Umbria ospitata al 4°piano del palazzo è la maggior collezione di opere dell'intera regione!

Viene considerata una delle migliori raccolte d'arte dell'Italia centrale  e ripercorre l'intera cronologia del canone artistico umbro. Cercate di seguire il percorso consigliato ed ammirate le opere del Perugino, del Pinturicchio, di Piero della Francesca o del Beato Angelico!


Il Duomo

La prima pietra dell'attuale costruzione fu posta nel 1345 e la realizzazione fu subito interrotta dall'incedere della peste; gran parte della cattedrale fu ultimata nel secolo seguente.Stranamente la Cattedrale ha la fiancata laterale rivolta verso la piazza principale ed il palazzo dei Priori.

La facciata, di pietra rosa, rimase incompiuta. A destra del portale si trova una statua bronzea di papa Giulio III e a sinistra un pulpito, incompiuto anch'esso, costruito per San Bernardino da Siena da cui predicò il falò delle vanità, incitando le donne a bruciare parrucche o, la popolazione in generale,  a liberarsi di libri, bei vestiti e divertimenti!Il campanile venne edificato soltanto tra il 1606 ed il 1612.

L'interno, in stile barocco, è molto imponente!Sulla navata sinistra nella Cappella di San Giuseppe viene custodito il Sacro Anello della Vergine Maria, una pietra di agata che si dice cambi colore a seconda di chi lo indossa; viene mostrata al pubblico una volta all'anno, il 30 di Luglio.

Ammirate i preziosi dipinti presenti nella Cattedrale e l'abside di notevole pregio che accoglie lo splendido coro lingeo intarsiato, purtroppo danneggiato in un incendio nel 1985.


La Fontana Maggiore

Progettata nel 1277 da Fra' Bevignate per accogliere le acque del nuovo acquedotto , fu realizzata da Nicola e Giovanni Pisano. La fontana ospita sculture e bassorilievi in uno schema decorativo progettato per illustrare la gloria e le conquiste della città ma nessuna di queste "storie illustrate" vede una fine.

Il basamento inferiore si compone di 25 doppi rilievi, 12 dei quali illustrano i lavori agricoli dei diversi mesi, ognuno sotto un segno zodiacale. Vengono poi raffigurati il leone ed il grifone, scene dell'antico testamento, scene di vita dell'antica Roma e delle favole di Esopo.Sulla base superiore troviamo 24 statue, santi ed eroi dell'antico testamento e figure allegoriche.


Il Pozzo Etrusco

E' possibile raggiungere questa opera di ingegneria idraulica attraverso un vicolo antico e buio, non fatevi ingannare, ad attendervi una delle testimonianze più preziose dell'elevato grado di civiltà raggiunto da questa comunità!

Concepito come grande cisterna la sua creazione è databile alla seconda metà del III secolo a.C. e poteva contenere fino a 430mila litri, fabbisogno dell'intera città! Sembra fosse profondo 35m ma attualmente è impossibile accertarne la profondità a causa dei numerosi detriti accumulati sul fondo.


La rocca Paolina

Voluta da Papa Paolo III per rimarcare il potere della Chiesa sulla città, fu progettata da Sangallo e costruita tra il 1540 ed il 1543.
 
Ospita attualmente le scale mobili di collegamento tra Piazza Partigiani e Piazza Italia (nonché mostre, mercati e l'esposizione La rocca paolina e la città) ed è ben visibile la maestosità dell'opera che in passato ospitava 10 chiese e centinaia di case ed era unita mediante gallerie a tutti i punti strategici della città!
 
Dopo l'unità d'Italia il forte fu abbattuto dalla dinamite e dalla popolazione che qui si riversò con picconi ed arnesi!
 
Se amate particolarmente il cioccolato e la musica non potete perdere Perugia in due particolari momenti dell'anno.Ad Ottobre il centro viene invaso da bancarelle e stand dell' Eurochocolate che vi proporranno ogni sorta di delizia al cioccolato, del resto Perugia è la patria di questa prelibatezza avendo dato i natali alla fabbrica della rinomata cioccolata Perugina!La città in queste giornate è invasa da golosi di ogni età , se non amate la calca astenetevi!

A luglio invece l'Umbria jazz animerà le vivaci sere estive con musica e concerti in ogni angolo!

Oltre ai grandi nomi del panorama mondiale (della musica jazz e non solo)sempre presenti nel palinsesto, non perdete i piccoli concerti e spettacoli di artisti emergenti che vi faranno innamorare, cantare e ballare e vi regaleranno serate indimenticabili !

 

 

Articoli correlati

16 mete da visitare partendo da Amelia
Amelia per lo sviluppo si punta sul patrimonio storico
Città di Assisi



Prenota ora

Invia una richiesta per conoscere le nostre disponibilità.



Ho letto e accettato il trattamento dei dati ai fini della Privacy