Sei qui: Home > Notizie > Tecnologia
Ponte D'Augusto - Narni - Umbria

Storia e paesaggi in superficie, mistero e scoperta nei sotterranei

A pochi minuti da Amelia troviamo Narni, cittadina affacciata sulla splendida valle del Nera, coronata da un'altra delle bellissime roccaforti del cardinale Albornoz.

L'aspetto medievale del paese ci regala uno dei paesaggi urbani più belli dell'Umbria; le origini tuttavia sono ben più antiche!

I ritrovamenti di alcune grotte dimostrano come la zona fu abitata già nel Paleolitico!La città conobbe prosperità nel  299 a.C.  quando divenne colonia Romana;  Narnia divenne un punto strategico lungo l'antica via Flaminia assumendo una certa importanza nel Corso delle guerre puniche!

Narni diede i natali nel 30 d.C. a Nerva, ultimo italico tra gli imperatori romani!

Dopo il 476 d.C. con la caduta dell'impero romano d'occidente , Narni divenne conquista di Goti e Longobardi  per essere annessa nel 741 d.C. allo Stato della Chiesa.

Dopo la ribellione a papa Paquale II ed in seguito a Federico Barbarossa la città inizia la sua radicale trasformazione in centro medievale: la Platea Major sostituisce il foro romano, si costruiscono i grandi edifici civili e religiosi come il Palazzo del Podestà, il Palazzo dei Priori, la Cattedrale di San Giovenale e le chiese.

Nel XIV secolo Narni torna a far parte dei territori controllati dal papato .

Questa perdita di autonomia fu terreno fertile per l'arrivo dei lanzichenecchi e la comparsa della peste: la città subì ingenti perdite umane.

Narni fu ricostruita per volontà di Papa Clemente VII nel 1529 dimostrando ancora la forte presenza del papato su questi territori tanto che nella metà del seicento venne istituito il Tribunale del S. Uffizio nei sotterranei del convento domenicano di S. Maria Maggiore.

Con la grande "rivoluzione" risorgimentale l'Umbria viene annessa all'Italia ed il papato perderà il suo dominio!

 

Ponte di Augusto

Ai piedi della città potrete vedere un arco solitario in mezzo al fiume;  unico reperto di un ponte, costruito nel 27 a.C., (ai tempi alto 30m per una lunghezza di 160) facente parte del progetto di rinnovamento della via Flaminia voluto da Augusto.

 

La Cattedrale di San Giovenale

Costruita nel 1047 fu consacrata solamente nel 1145 da Papa Eugenio III, ma fu modificata anche in seguito tanto è che si presenta con stili diversi, dovuti alle aggiunte dei secoli successivi.

La facciata è poco rappresentativa ma oltrepassate il portale adornato di rilievi e non mancate la vista alla cattedrale!

Osservato lo stravagante altare barocco, adombrato da due pulpiti dorati ed il bellissimo pavimento cosmatesco.

A metà della navata  sud, in una cappella simile ad una cella (il più importante esempio di architettura paleocristiana) , si trova la tomba di Giovenale.

 

Museo della città

Ospitato dal gentilizio palazzo Eroli, il museo offre diverse sezioni, archeologiche,medievali ed una preziosa pinacoteca!

Non perdete la visita al sarcofago con la mummia, si dice, della famosa Aida, alla statua del leone che magari ispirò C.S. Lewis nella stesura de Le cronache di Narnia, e alle preziosissime opere qui esposte, come la pala d'altare dell'Incoronazione della Vergine di Domenico Ghirlandaio o l'Annunciazione di Benozzo Gozzoli.

 

Piazza dei priori

Raggiungete questa bellissima piazza seguendo l'antico cardo maximus romano!

Ad attendervi l'imponente palazzo dei Priori, XIV secolo, con la sua bellissima loggia progettata da Matteo Gattapone, architetto di Piazza dei consoli di Gubbio e del ponte delle Torri di Spoleto.

Ammirate il piccolo pulpito esterno, costruito per san Bernardino che era solito predicare in questi posti.

Di fronte troviamo l'attuale palazzo del Comune, il Palazzo del Podestà; osservate le bellissime sculture romaniche sopra il portone ed i numerosi frammenti conversati nel cortile.

 

La rocca

Raggiungete la rocca con una bella passeggiata ed ammirate da qui la suggestiva valle del Nera, non ve ne pentirete.

Il castello fu commissionato dal cardinale Albornoz nel 1370 (attribuito al Gattapone), voluto per rimarcare l'autorità pontificia sull'Umbria.

Fate una pausa nel parco che circonda il castello ed ammirate gli splendidi paesaggi umbri.

 

Molte sono ancora le attrazioni al di sotto della superficie della città: non perdete assolutamente la vista guidata  alla Narni sotterranea:  ad attendervi 2000 anni di storia!

Ammirate gli affreschi nella Chiesa del XII secolo e giungete alla grande sala dove venivano compiuti gli interrogatori del tribunale dell'inquisizione. Lasciatevi emozionare e spaventare da questi luoghi:un brivido percorrerà la vostra schiena di fronte ai graffiti lasciati in cella dai prigionieri.

Una visita unica nel suo genere che difficilmente scorderete!

 

http://www.narnisotterranea.it/

 

 

Articoli correlati

16 mete da visitare partendo da Amelia
Amelia per lo sviluppo si punta sul patrimonio storico
Grande mostra dedicata a Piermatteo d



Prenota ora

Invia una richiesta per conoscere le nostre disponibilità.



Ho letto e accettato il trattamento dei dati ai fini della Privacy