L'avvicendamento colturale è una tecnica molto importante per permettere di mantenere e migliorare la fertilità del terreno. E' fondamentale scegliere accuratamente gli ortaggi o le piante da coltivare sia per alternarle nelle varie stagioni sia per rispondere al meglio alle esigenze del coltivatore, del tipo di clima e del terreno.

Ecco quali ortaggi non sarebbe opportuno, mettere a dimora in successione tra loro.
Bietola da coste e bietola da orto (Chenopodiacee): non dovrebbero seguire se stesse e spinacio. Carota, finocchio, prezzemolo, sedano (Ombrellifere): vale quanto diremo più sotto. In presenza di parassiti animali o malattie, è indispensabile lasciar passare alcuni anni (3 e più, fino a 5) prima di far ritornare queste colture nella stessa aiola. Se possibile non si dovrebbe coltivare dopo le bietole. Cavolfiore, cavolo broccolo, cavolo cinese, cavolo cappuccio, cavolo Bruxelles, cavolo rapa, cavolo verza (Crucifere): sono piante che in genere sfruttano in maniera abbastanza rilevante il terreno; è quindi opportuno che non seguano se stesse.
Cocomero, cetriolo, cetriolino, melone, zucca, zucchino (Cucurbitacee): è importante non ripetere per almeno due anni di seguito queste colture nello stesso terreno e neppure effettuare la successione tra loro (per esempio melone-zucchino). Fagiolo, fagiolino, fava, pisello (Leguminose): anche per gli ortaggi che appartengono a questa famiglia, ritenuta capace di migliorare la fertilità del terreno, è consigliabile attenersi alla regola fondamentale di non ripetere per due anni di seguito la coltura nella stessa aiola e nemmeno di coltivare Leguminosa dopo Leguminosa. Indivia riccia, lattuga e scarola (Composite): essendo ortaggi assai diffusi e intensamente coltivati, è opportuno non farli seguire a se stessi, a radicchi e a cicorie in genere. Melanzana, patata, peperone, pomodoro (Solanacee): non si devono ripetere almeno per due anni due seguito queste colture nello stesso terreno e neppure effettuare la successione tra di loro (per esempio patata-pomodoro). Bisognerebbe seguire tale norma con abbastanza rigore. Se fosse possibile, sarebbe indicato non piantare Solanacee dopo Chenopodiacee e Cucurbitacee. Radicchi e cicorie (Composite): non dovrebbero succedere a se stessi e ad altre Composite. Ravanello e rucola (Crucifere): non dovrebbero venire dopo se stessi e dopo altre piante della famiglia delle Crucifere. Spinacio (Chenopodiacea): evitare che succeda a se stesso, a bietole da coste e da orto.

Tag


  #giardinaggio     #hobby     #orto  

Articoli correlati




Prenota ora

Invia una richiesta per conoscere le nostre disponibilità.


Ho letto e accettato il trattamento dei dati ai fini della Privacy

Opinioni dei clienti